Liti in condominio? Arriva il mediatore.
L’Organismo di Conciliazione di Firenze con Confedilizia, associazione Amministratori Toscana e Confartamministratori, presenterà domani a Firenze il progetto “Condominio facile”.

L’iniziativa, sostenuta da 35 mediatori professionisti esperti di diritto condominiale, permetterà la risoluzione dei conflitti tra vicini, senza dover arrivare di fronte a un giudice, velocemente e in maniera informale. Si tratta di uno strumento da utilizzare prima della conciliazione obbligatoria appena si presenta una controversia. L’obiettivo è quello di risolvere le liti sul nascere, evitando il percorso della giustizia civile ordinaria e “stress” all’interno del condominio.
Mediatore di Condominio
Condomini e alloggi popolari. Il progetto parte da Firenze ma vuole essere il precursore di altri su tutto il territorio nazionale. “Condominio facile” non opera solo negli edifici privati ma anche nei complessi di case popolari per definire regole di buon comportamento. L’obiettivo finale dell’iniziativa è quello di prevenire i conflitti e risolverli sul nascere.

Parola chiave: immediatezza. La mediazione dentro i condomini è stata introdotta per legge nel 2010. L'Organismo di Conciliazione di Firenze, che ha realizzato il progetto, ha attivato questo servizio che consente all'amministratore o al singolo condomino di chiedere l'intervento immediato del mediatore. L'immediatezza è, infatti, il punto cardine del progetto, proprio perché un intervento tempestivo riesce a bloccare più facilmente un conflitto.

Mediare, su cosa? Il mediatore può intervenire su tutte le controversie relative agli articoli da 1117 a 1139 del codice civile. Rientrano anche problemi riguardanti le parti comuni, la destinazione d'uso delle stesse.

Articolo originale: http://www.condofacile.com